Gruppi di Acquisto Solidale
Rete nazionale di collegamento dei G.A.S.

http://www.retegas.org/



4a fiera "Per filo e per sogno", Ponte S. Pietro (BG), domenica 14 ottobre 2012


Appuntamenti FIERA-MERCATO DEL TESSILE ECOLOGICO, ETICO E SOSTENIBILE Abiti con ingredienti sani, dall’acquisto alla manutenzione al riciclo DOMENICA 14 OTTOBRE 2012 ore 10.00 – 18.30 CENTRO LA PROPOSTA, PONTE S. PIETRO Dopo il successo delle due edizioni primavera e autunno 2011 e di quella del maggio di quest’anno, ritorna domenica 14 ottobre la fiera-mercato del tessile ecologico, etico e sostenibile “Per filo e per sogno”, come di consueto ospitata presso il Centro La Proposta di Ponte San Pietro dalle 10 alle 18.30. "Per filo e per sogno" è progetto che nasce dall’esigenza di alcuni GAS (Gruppi di acquisto solidale) della bergamasca che hanno scelto di acquistare collettivamente anche capi di abbigliamento oltre ai prodotti alimentari: poter toccare con mano e provare i capi d'abbigliamento, sceglierne le taglie e i colori, ascoltare i produttori mentre raccontano dei metodi di lavorazione e descrivono i motivi che hanno portato all’utilizzo di fibre naturali biologiche, tinte con coloranti vegetali o naturali non può che essere il modo migliore per apprezzare le qualità di una stoffa e conoscerne la storia, il lavoro, le scelte di equità e trasparenza di chi la produce. L'iniziativa è stata accolta sin dalla prima edizione con molto favore dalle aziende interpellate che hanno ormai stabilmente messo nella propria agenda la partecipazione alla fiera, organizzata dai GAS di Ponte San Pietro, Mozzo, AltroGas Fontana (Bergamo), in collaborazione con Mercato&Cittadinanza, con la gestione del Centro La Proposta e il patrocinio del Comune di Ponte S. Pietro. Oltre all'esposizione, sarà disponibile un bookshop a tema e verranno organizzati laboratori e attività creative per bambini, tutti condotti da volontari; a pranzo sarà possibile gustare a €7,00 un menù curato dal Centro La Proposta a base di ingredienti biologici selezionati dal GAS (pasta IRIS http://www.irisbio.com/, verdure della cooperativa BIPLANO http://www.cooperativabiplano.it, caffè Malatesta http://www.caffemalatesta.org) accompagnato da acqua in brocca dell'acquedotto. Oltre ai produttori già intervenuti nelle precedenti edizioni, saranno presenti nuove realtà che operano nel mondo del tessile “pulito” e sarà dedicato uno spazio particolare alla creatività e al riciclo dei materiali. I capi proposti dai produttori in fiera sono realizzati utilizzando anche fibre alternative quali la canapa, il bambù, l'ortica oltre naturalmente a cotone biologico, lino, seta e lana. E' proprio grazie al confronto diretto e all'approfondimento che è possibile sensibilizzarsi rispetto all’importanza dell'utilizzo di queste fibre meno diffuse. Il cotone ad esempio richiama l’immagine della purezza, ma in realtà le cifre parlano chiaro: il 5% delle terre coltivate è destinato alla coltivazione del cotone e le piantagioni assorbono il 25% della produzione mondiale di pesticidi. La coltivazione del cotone può essere definita come la più inquinante in assoluto anche perché la lavorazione successiva e trasformazione delle fibre in tessuti e capi d'abbigliamento richiede massicci trattamenti con composti chimici di sintesi, infatti, nel trattamento del cotone “convenzionale” sono impiegati detergenti, sbiancanti, coloranti, brillantanti, conservanti, antiparassitari. I capi, infine, possono contenere fino al 25% di fibre di altra natura pur riportando sull'etichetta la dicitura "cotone 100%"! Nelle calze, per esempio, la punta ed il tacco vengono rinforzate con fibre sintetiche non citate in etichetta… Quando la pelle sensibile si trova a contatto con elementi percepiti come aggressivi cerca di difendersi: se l'abbigliamento indossato contiene sostanze chimiche o fibre sintetiche la pelle mette in atto un programma di difesa sotto forma di sudore, acidi, proteine, ormoni, inviati nella zona sottoposta all'attacco cosicché pelle può apparire calda e arrossata, o fredda e umida. Probabilmente la strada più semplice per il nostro benessere consiste nel rispetto della nostra natura e nell’utilizzo di fibre naturali. PROGRAMMA ore 10:00 Apertura Fiera/Mercato Produttori solidali: Made in NO, Le Calze Natura, Ekru, Eco Geco, EquixEden, Kyo, Produttori Indipendenti, Canvas, Medea, Angela Caremi, Marina Oldani, Paola della Pergola, Tessitura D’ori, Baci di trama, Retro Ecowear, Cooperativa REA, Limes, Stefania Masotto, Letizia Rossini, Pret à jouer,il Mandorlo Biologico, Tinture Antiche, Naturalmente Tessuti, abbigliamento del commercio equo solidale Amandla e Mascobado. Attività complementari: laboratori creativi per bambini e bambine a cura della cooperativa Lumaca e Le Chat Tricot. ore 11:00 “racconti e trame” letture per bambini/e, libri in collaborazione con la libreria Spazio Terzo Mondo a pranzo, bio menu con i prodotti selezionati dai GAS: 7 euro ore 18:30 chiusura manifestazione Per info: Cinzia (GASP Ponte S.Pietro) tel. 347 9753108 Claudio (Gas di Mozzo) tel. 338 7520039 Chiara (Altro Gas Fontana) tel. 349 2726037


Data pubblicazione: 26/06/7941 - Indirizzo di questa notizia:
http://retegas.org/index.php?module=pagesetter&func=viewpub&tid=1&pid=378